Moshi : l’Assistente Vocale che Simula 70 diverse Emozioni Umane | Intelligenza Artificiale Chat gpt | Ai Chat Online | Intelligenza Artificiale Generativa | Turtles AI

Moshi : l’Assistente Vocale che Simula 70 diverse Emozioni Umane
Isabella V

 

I FRANCESI PRESENTANO MOSHI : L’ASSISTENTE VOCALE CON EMOZIONI E COMPORTAMENTI UMANI E L’ACCENTO FRANCESE

 

Dalla Francia giunge una notizia rivoluzionaria nel campo dell’AI:  Moshi, un innovativo assistente vocale capace di esprimere una vasta gamma di emozioni umane. A svelarlo è stato Bloomberg, che ha fornito dettagli approfonditi sul progetto presentato recentemente a Parigi da un laboratorio di ricerca supportato dal miliardario Xavier Niel. I ricercatori affermano che Moshi può comunicare con gli utenti simulando ben 70 diverse emozioni e comportamenti, adottando persino un distintivo accento francese.

"Ragiona come comunica," ha dichiarato Patrick Pérez, CEO della società di ricerca. "Crediamo che Moshi possa trasformare radicalmente il nostro modo di interagire con le macchine e attraverso di esse." Un progetto ambizioso che si propone di sfidare il noto ChatGPT di OpenAI. Infatti, Moshi sembra voler competere direttamente con l’assistente vocale destinato agli utenti di ChatGPT Plus, lanciato a maggio con enfasi sulle sue capacità avanzate di riconoscimento delle immagini e risposte rapide e precise.

Mentre OpenAI prevede di immettere il suo prodotto sul mercato in autunno, non rispettando così la tabella di marcia iniziale, Moshi sarà disponibile a breve come tecnologia open-source. Pur essendo descritto dai ricercatori come un "prototipo sperimentale," questo progetto francese ha il potenziale per diventare un protagonista globale nello sviluppo dell’AI in Europa. L’unica preoccupazione sollevata dagli esperti riguarda la sicurezza, ma il Chief Science Officer Hervé Jégou ha rassicurato che saranno implementati strumenti di indicizzazione e filigrane per tracciare l’audio generato dall’AI.

In attesa del lancio ufficiale, il mondo della tecnologia osserva con interesse come Moshi potrebbe portare il laboratorio di ricerca francese a competere direttamente con giganti come OpenAI, segnando un passo importante nel panorama dell’intelligenza artificiale.